TANZANIA

Destinazione: TANZANIA

Tipo Vacanza: Viaggi di gruppo

Durata: 9 Giorni e 7 Notti

La Nostra Proposta

Da: € 3400

Scarica Allegato

Viaggio esclusivo Gattinoni - TANZANIA EXPERIENCE

Un tour esclusivo dove potrete vivere esperienze fantastiche , fotosafari a SERENGETE NATIONAL PARK , LAKE MANYARA NATIONAL PARK , pic-nic a TARANGIRE NATIONAL PARK e.........

 

 

Programma di viaggio

Valido al 16.01.2019, pubblicato il 05.11.2018

Informazioni Generali

•    Documentazione necessaria per l’ingresso nel Paese
Passaporto: necessario, con validità residua di 6 mesi al momento dell’ingresso nel Paese. Per le eventuali modifiche a tale norma, si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese presente in Italia o presso il proprio Agente di viaggio.

Viaggi all’estero dei minori: - si prega di consultare l’Approfondimento  “Prima di partire – Documenti per viaggi all’estero di minori

Visto d’ingresso:
necessario, sia per motivi turistici che per affari, da richiedere prima della partenza presso l’Ambasciata di Tanzania a Roma o il Consolato Onorario di Milano. Il modulo di richiesta deve essere scaricato dal sito web http://www.embassyoftanzaniarome.info/ e l’importo relativo deve essere pagato direttamente on-line.
Coloro che non potessero richiedere il visto turistico in Italia, possono ottenerlo anche all’arrivo nel Paese presso i tre aeroporti internazionali tanzani (Dar es Salaam, Kilimanjaro e Zanzibar).
Si richiama l’attenzione sul divieto assoluto di effettuare qualsiasi attività lavorativa se muniti di solo visto turistico; sono frequenti i casi d’arresto e di richieste di denaro nei confronti di connazionali sorpresi dalla polizia in possesso di visti che non consentono lo svolgimento di attività lavorative o commerciali, anche volontarie.
Si consiglia in ogni caso di informarsi prima della partenza presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese presente in Italia o presso il proprio Agente di viaggio/Tour operator.

Formalità valutarie e doganali: L’Euro e i Dollari sono ugualmente accettati e convertibili in valuta locale presso i numerosi Uffici di cambio. Le principali banche che offrono con servizio Bancomat sono: Barclays, NBC, Standard Chartered Bank.
Non esistono particolari restrizioni per l’importazione di valuta. I traveller cheques sono accettati nei principali Hotel di Dar es Salaam, nelle banche ed in alcune agenzie di viaggio della capitale. Le carte di credito non sono molto diffuse e generalmente sono accettate solo nei principali alberghi delle maggiori città. Le più comuni sono Visa, Master Card e Diners Club; spesso viene applicata una commissione su ogni acquisto del 5-10%.
Il Ministero della Difesa ha comunicato che coloro i quali intendano importare temporaneamente in Tanzania veicoli aerei/droni, devono chiedere preventiva autorizzazione alla Tanzanian Civil Aviation Authority (circolare di riferimento reperibile presso: www.tcaa.go.tz)

Informazioni fornite dal sito www.viaggiaresicuri.it - Ministero degli Affari Esteri.
Relativamente alle informazioni presenti in questa sezione, i singoli viaggiatori sono naturalmente i soli responsabili della decisione di intraprendere il viaggio e delle eventuali conseguenze negative che ne dovessero derivare.

Valido al 16.01.2019, pubblicato il 05.11.2018

Sicurezza

    Indicazioni generali, ordine pubblico, criminalità
Non si segnalano al momento particolari criticità in relazione all’ordine pubblico. Anche se la situazione politica interna è stabile, possono verificarsi manifestazioni di protesta: si consiglia di esercitare cautela e di tenersi lontani da manifestazioni e da ogni tipo di assembramento.
Persistono nelle aree urbane frequenti episodi di criminalità comune, in particolar modo  nei luoghi pubblici solitamente frequentati da stranieri, come alberghi, ristoranti, discoteche, cinema e centri commerciali. Si registra inoltre un aumento di furti all’interno delle abitazioni.

•    Rischio terrorismo
Il terrorismo rappresenta una minaccia globale. Nessun Paese può essere considerato completamente esente dal rischio di episodi ricollegabili a tale fenomeno.

•    Aree di particolare cautela
Si sconsigliano i viaggi  nella regione di Kigoma, ovest di Kagera, nelle aree a nord e a nord-ovest del Paese, nei pressi dei campi profughi e ai confini  con il Ruanda, il Burundi e la Repubblica Democratica del Congo, a causa della presenza di bande armate.

L’arcipelago di Zanzibar, formato dall’isola principale di Unguja (dove si trova la città storica di Stonetown e dove si concentrano quasi tutti i resort turistici) e dall’isola di Pemba (poco frequentata dal turismo) è interessato da una storica contrapposizione tra il partito al governo (CCM, Partito della rivoluzione) e l’opposizione (CUF, Civic United Front). La situazione è al momento tranquilla ma si raccomanda comunque di esercitare la massima prudenza in caso di manifestazioni politiche.

A Dar Es Salaam, le zone più frequentate dagli stranieri e conseguentemente più prese di mira da scippatori, borseggiatori e piccoli ma pericolosi criminali, sono quelle di Masaki, Msasani Peninsula e Oysterbay. Tali attacchi sono avvenuti a volte in modo brutale, risolvendosi con danni considerevoli alle persone.
Atti di pirateria restano possibili nel Golfo di Aden e nell'Oceano Indiano. In passato attacchi si sono verificati fino a 1000 miglia nautiche dalla costa della Somalia e nelle acque al largo della Tanzania. A coloro che intendano navigare in queste zone, fare pesca sportiva di alto mare o effettuare immersioni subacquee, si consiglia di esercitare la massima prudenza.

•    Avvertenze
Si consiglia di:
-        registrare i dati del proprio viaggio sul portale DOVESIAMONELMONDO;
-       mostrare sempre rispetto per la cultura locale, soprattutto nell’arcipelago di Zanzibar, quasi interamente musulmano, in particolar modo durante il Ramadan; l’isola di Pemba è relativamente più conservatrice della gemella Unguja;
-      non accettare inviti da persone conosciute da poco, per quanto possano apparire amichevoli;
- privilegiare strutture alberghiere che prevedano la presenza di servizi di sicurezza privati e di una certa dimensione, questi ultimi in genere protetti da un maggior numero di guardiani e non utilizzare l’ ”Ostello della gioventù”, per evitare il rischio di scippi ed aggressioni soprattutto nelle ore serali;
- dopo il tramonto muoversi in auto o con taxi fidati, evitando di camminare a piedi e da soli;
- non mostrare oggetti di valore, telecamere, cellulari o portafogli soprattutto se si cammina a piedi nelle zone del centro;
- evitare, se possibile, il mercato di Kariakoo a Dar es Salaam;
- esercitare cautela nelle spiagge libere, nei luoghi isolati, nelle principali strade di collegamento tra i grandi centri urbani ed in particolare nella strada di collegamento Arusha-Nairobi;
- di prestare la massima attenzione anche nel centro delle principali città, con particolare riguardo alle zone commerciali e a quelle delle banche;
- non trattare con commercianti ambulanti sulle spiagge (beach boys);
- per l’organizzazione di safari e escursioni, affidarsi sempre a società conosciute e specializzate nel settore;
- richiedere guide munite di radio quando ci si reca nei parchi;
- controllare con attenzione le garanzie sanitarie, in caso di acquisto di un pacchetto viaggio organizzato da tour operator;
- non spostarsi con automezzi pubblici visto il quotidiano ripetersi di incidenti stradali  mortali causati dall’alta velocità, dalla bassa qualità del manto stradale e dalla vetustà e scarsa manutenzione del parco auto;
- evitare i mezzi di trasporto collettivo in città a causa dei frequenti furti;
- adottare molta prudenza nella guida, a causa delle cattive condizioni delle strade,  specialmente  su quelle sterrate che sono particolarmente pericolose;
- evitare di viaggiare di notte, durante la stagione delle piogge e comunque non superare la velocità di 60 - 70 km/h poiché si potrebbe rimanere vittime di gravi incidenti, anche mortali (fondo stradale sdrucciolevole per sabbia e/o ghiaietto, rischio di scoppio di pneumatici per la presenza sul terreno di piccoli quarzi, attraversamento improvviso di animali);
- astenersi dall’utilizzare traghetti in evidente cattivo stato di manutenzione o sovraccarichi, soprattutto nei Grandi Laghi o per raggiungere l’isola turistica di Mafia. In tal caso, si consiglia di organizzare la prosecuzione del viaggio con mezzi di trasporto alternativi;
- assicurarsi dell’affidabilità delle compagnie marittime o aeree in caso si decida di effettuare spostamenti all’interno del Paese con tali mezzi.
Sono frequenti i tentativi di truffa perpetrati ai danni di cittadini stranieri, anche italiani, che arrivano in Tanzania ed a Zanzibar con lo scopo di realizzare investimenti immobiliari e/o di acquistare minerali o pietre preziose (oro, rame, diamanti, ecc.). Per questo motivo si consiglia a tutti coloro che siano interessati a concludere affari in questo Paese di chiedere preventivamente informazioni utili al competente Ufficio Commerciale dell’Ambasciata d’Italia in Dar Es Salaam.

•    Normative locali rilevanti
Normativa prevista per uso e/o spaccio di droga
: il traffico di qualsiasi tipo di droga, incluse quelle leggere, è duramente represso dalla Polizia locale, che dispone di informatori ovunque. Le condanne inflitte dai tribunali per reati di droga sono pesanti ed i controlli della Polizia negli alberghi sono frequenti. All’aeroporto anche i bagagli dei viaggiatori della sala VIP possono essere ispezionati. E’ in corso una dura campagna contro il traffico di droga, con arresti anche tra cittadini stranieri.

L’omosessualità è considerata un reato. Dal 2016 sono in atto ricorrenti campagne antiomosessuali, che è considerato reato punibile fino a 30 anni, per cui si consiglia di avere la massima prudenza e di tenere un comportamento molto riservato.

Normativa prevista per abusi sessuali o violenze contro i minori: la legge locale è rigidissima; le condanne per violenza e pedofilia comportano pene da 20 anni fino all’ergastolo. La stampa riporta tali notizie con grande evidenza.
Va ricordato che coloro che commettono all’estero reati contro i minori (abusi sessuali, sfruttamento, prostituzione) vengono perseguiti al loro rientro in Italia sulla base delle leggi in vigore nel nostro Paese.

In caso di problemi con le Autorità locali di Polizia (stato di fermo o arresto) per la necessaria assistenza si consiglia di contattare l’Ambasciata o, per l’arcipelago di Zanzibar, i due corrispondenti consolari.
I numeri telefonici e gli indirizzi mail si trovano nella sezione contatti Ambasciate e Consolati della presente scheda.

•    Informazioni per le aziende
Si consiglia alle aziende italiane che inviano tecnici o maestranze anche solo per brevi missioni nel Paese, di adottare specifiche misure di sicurezza e di attenersi alle disposizioni impartite dalle autorità locali in materia di trasferimenti di personale straniero. Le aziende italiane sono invitate a registrare la presenza di proprie maestranze sul portale DOVESIAMONELMONDO e a segnalarle all’Ambasciata d’Italia a Dar Es Salaam.

Informazioni fornite dal sito www.viaggiaresicuri.it - Ministero degli Affari Esteri.
Relativamente alle informazioni presenti in questa sezione, i singoli viaggiatori sono naturalmente i soli responsabili della decisione di intraprendere il viaggio e delle eventuali conseguenze negative che ne dovessero derivare.

Valido al 16.01.2019, pubblicato il 05.11.2018

Situazione sanitaria

•    Strutture Sanitarie
Il livello del sistema sanitario locale è carente per quanto riguarda il personale, le attrezzature mediche e la disponibilità di farmaci specifici. La situazione sanitaria, all’interno del Paese, è particolarmente grave. Le trasfusioni di sangue non sono sicure. Nel Paese sono presenti anche centri clinici con personale medico europeo.

•    Malattie presenti
Il WHO ha  confermato numerosi casi di infezioni da colera in Tanzania.
A partire dal marzo 2016 a  Zanzibar si è  registrato un crescente numero di casi di colera. Il governo locale ha adottato provvedimenti volti ad arginare l’espandersi della malattia, quali ad esempio, la formazione di campi per isolare le persone infette e il divieto di vendere bevande e succhi di frutta in luoghi aperti. La situazione risulta in netto miglioramento ma vengono ancora riportati, seppur in numero limitato, alcuni casi di malattia.
La febbre dengue e la dengue emorragica, causate dalla puntura di zanzare infette, sono endemiche  anche nell’isola di Zanzibar. Si consiglia di adottare opportuni accorgimenti contro le punture di insetti, indicati nelle “Info Sanitarie – Misure preventive contro malattie trasmesse da puntura di zanzara”, e di consultare il proprio medico o la ASL al riguardo, anche nel caso di sintomi febbrili dopo alcuni giorni dal rientro di un viaggio nel Paese.
Sono presenti altre malattie quali: malaria, colera, tifo, paratifo, epatiti virali A, B, C, tetano, difterite, pertosse, morbillo, bilarzia (si consiglia di non effettuare balneazione nei laghi o fiumi): si prega di consultare le Info Sanitarie “Misure preventive contro malattie trasmesse da puntura di zanzara”.
Si consiglia inoltre la vaccinazione antirabbica per chi deve svolgere attività a contatto con animali, cani, pipistrelli ed altri mammiferi, per lavoro, come veterinari, ricercatori o per diporto, come campeggiatori e turisti ciclisti.
L’AIDS è molto diffuso ed è la seconda causa di morte dopo la malaria. La stima dei sieropositivi arriva al 12% della popolazione.

•    Avvertenze
Si raccomanda di stipulare prima della partenza una polizza assicurativa che preveda la copertura delle spese mediche e l’eventuale rimpatrio aereo sanitario (o il trasferimento in altro Paese) del paziente.  Un’eventuale evacuazione sanitaria d’urgenza è possibile solo in aereo da Dar es Salaam, da Arusha (Aeroporto Internazionale) o Zanzibar per l’Europa, per il Kenia o per il Sud Africa.
Si consiglia inoltre :
-  un’accurata igiene delle mani;
- l’assunzione di acqua minerale in bottiglie sigillate;
 - di trattare l’acqua per uso alimentare (bollitura per oltre venti minuti, filtrazione e decantazione);
- di evitare l’uso del ghiaccio;
- di evitare verdura e frutti di mare se non cotti;
- di consultare immediatamente un medico e richiedere le analisi ai primi sintomi di malessere (vomito, febbre, diarrea).
Le persone che intendono recarsi ad alta quota sul Kilimanjaro, a causa del notevole impegno fisico richiesto dal lungo itinerario, dovrebbero effettuare l’escursione solo previo parere di un medico; si ricorda che sul Kilimanjaro non c’è possibilità di utilizzare bombole d’ossigeno e manca un pronto soccorso attrezzato.
Si ricorda, infine, che per quanto riguarda l’escursionismo subacqueo, a Dar es Salaam non sono disponibili camere iperbariche.

•    Vaccinazioni obbligatorie
Obbligatoria la vaccinazione contro la febbre gialla per i viaggiatori maggiori di un anno di età, provenienti da un Paese dove la febbre gialla è a rischio trasmissione (Kenya, Ethiopia, ecc.), anche nel caso di solo transito aeroportuale, se questo è superiore alle 12 ore ed in ogni caso se si lascia l’aeroporto di scalo.

Informazioni fornite dal sito www.viaggiaresicuri.it - Ministero degli Affari Esteri.
Relativamente alle informazioni presenti in questa sezione, i singoli viaggiatori sono naturalmente i soli responsabili della decisione di intraprendere il viaggio e delle eventuali conseguenze negative che ne dovessero derivare.

Valido al 16.01.2019, pubblicato il 05.11.2018

Viabilita

Patente: è necessaria la patente internazionale ( modello Convenzione di Vienna 1968)

Assicurazione: responsabilità civile obbligatoria. L'assicurazione italiana non è valida. È necessario sottoscrivere una assicurazione a breve termine sul posto. Al riguardo si segnala il seguente indirizzo:
National Insurance Corporation of Tanzania Ltd
P.O.B. 9264
Dar es Salaam
Tel.: +255 22 211 3823/9
Fax: +255 22 211 3403
e-mail: info-nic@nictanzania.com
Internet: http://nictanzania.co.tz/
È possibile importare un veicolo per un periodo massimo di 12 mesi con obbligo di "carnet di passaggio in dogana" (CPD). Per ulteriori informazioni sul CPD si consiglia di consultare il seguente link: www.aci.it/index.php?id=2090

N
orme di guida
Senso di guida:  guida a sinistra, sorpasso a destra.

Tasso alcolemico nel sangue: la polizia può chiedere ai conducenti di sottoporsi a un test dell'alito. Il limite legale è di 0,08%.

Casco per motociclisti: obbligatorio

Cinture: è obbligatorio indossarele sui sedili anteriori dei veicoli.

Autostrade: non presenti in Tanzania

Trasporti: i collegamenti con l’Europa sono garantiti con voli giornalieri da KLM, Swissair,  Ethiopian Airlines, Emirates, Etihad, Qatar Airways, Egyptair, Turkish Airlines e, soprattutto per Zanzibar, da numerosi voli charter.

Per informazioni di carattere generale sulla sicurezza dei voli e sulle compagnie aeree dei Paesi cui è vietato operare nello spazio aereo UE in quanto non in regola con gli standard di sicurezza dell’Agenzia Europea per la Sicurezza Aerea, si consiglia di consultare la sezione  “Sicurezza aerea” curata in collaborazione con l’Enac, sulla home page di questo sito e quello della Commissione Europea.

Informazioni fornite dal sito www.viaggiaresicuri.it - Ministero degli Affari Esteri.
Relativamente alle informazioni presenti in questa sezione, i singoli viaggiatori sono naturalmente i soli responsabili della decisione di intraprendere il viaggio e delle eventuali conseguenze negative che ne dovessero derivare.

Richiesta Informazioni