Zanzibar BlueBay Beach Resort & Spa

Destinazione: Zanzibar

Tipo Vacanza: Vacanze Mare

Periodo: Agosto - Settembre 2019

Durata: 8 Giorni e 7 Notti

La Nostra Proposta

Da: € 1.326
A: € 1.589

Bluebay Beach Resort & Spa

formula tutto incluso con doppia vista giardino

7 notti 8 giorni

Riduzioni: 1° bambino fino a -60%

Dati Paese

Capitale: DODOMA
Popolazione: 55,2 milioni di abitanti (2016)
Superficie: 945.080 km2
Fuso orario: +2h rispetto all'Italia; +1h quando in Italia vige l’ora legale
Lingue: kiswahili e inglese
Religioni: cristianesimo e islam (98% a Zanzibar), minoranze induiste
Moneta: Scellino della Tanzania (TZS) -  Cambio: 1Euro = 2570 TZS circa (aprile 2019) 
Prefisso per l'Italia: 00039
Prefisso dall'Italia: 00255
Telefonia: la rete cellulare è molto diffusa anche se alcune zone all’interno del Paese non sono ancora coperte.
Clima: lungo la costa e a Zanzibar le temperature sono elevate nei mesi da novembre ad aprile. Stagione delle grandi piogge tra marzo e maggio. Temperature più gradevoli tra giugno e settembre e nell’interno collinoso del Paese. Tra novembre e dicembre periodo piovoso.

Ambasciata e Consolati

Ambasciata d'Italia DAR-ES-SALAAM
Indirizzo: Lugalo Road, Plot 316, (Upanga)
Recapito postale: P.O. Box 2106 - Dar es Salaam
Tel.: 00255 22 2115935/6- 00255 22 2123010/1
Fax: 00255 22 2115938
Cell. di emergenza: 00255 754 777701

Ufficio Commerciale: 00255 22 2117369 – email: comm.dar@esteri.it
Email Ufficio Consolare: cons.dar@esteri.it
Email Segreteria Ambasciatore: segr.dar@esteri.it

Sito web: www.ambdaressalaam.esteri.it

Rete onoraria
Vice Console onorario a Zanzibar

Sig. Stefano Totisco
Telefono emergenza e questioni consolari: +255 777 116664
Email: zanzibarconsulting@gmail.com

Corrispondente consolare a Zanzibar
Sig. Giorgio Scudu
Telefono per emergenza e questioni consolari: +255 784 342601
E
mail: manager@dongweclub.co.tz

Documentazione necessaria all'ingresso nel Paese

Passaporto: necessario, con validità residua di 6 mesi al momento dell’ingresso nel Paese. Per le eventuali modifiche a tale norma, si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese presente in Italia o presso il proprio Agente di viaggio.

Viaggi all’estero dei minori: si prega di consultare l’Approfondimento Documenti di viaggio – Documenti per viaggi all’estero di minori

Visto d’ingresso: necessario, sia per motivi turistici che per affari, da richiedere prima della partenza presso l’Ambasciata della Tanzania a Roma o il Consolato Onorario a Milano. Il modulo di richiesta deve essere scaricato dal sito web http://www.embassyoftanzaniarome.info/ e l’importo relativo deve essere pagato direttamente on-line.
Coloro che non potessero richiedere il visto turistico in Italia, possono ottenerlo anche all’arrivo nel Paese presso i tre aeroporti internazionali tanzani (Dar es Salaam, Kilimanjaro e Zanzibar).
Si richiama l’attenzione sul divieto assoluto di effettuare qualsiasi attività lavorativa se muniti di solo visto turistico; sono frequenti i casi d’arresto e di multe nei confronti di connazionali sorpresi dalla polizia in possesso di visti che non consentono lo svolgimento di attività lavorative o commerciali, anche volontarie. Per ogni finalità diversa dal turismo, consultare in anticipo l'Ambasciata tanzana a Roma o il Console Onorario a Milano

Formalità valutarie e doganali: L’Euro e i Dollari sono ugualmente accettati e convertibili in valuta locale presso banche (CBRD, Stanbic, Barclays, NBC, Standard Chartered Bank) o gli uffici di cambio. Non esistono particolari restrizioni per l’importazione di valuta. I traveller cheques sono accettati nei principali hotel di Dar es Salaam, nelle banche ed in alcune agenzie di viaggio della capitale. Le carte di credito non sono molto diffuse e generalmente sono accettate solo in alberghi, ristoranti e negozi di livello internazionale delle maggiori città. Le più comuni sono Visa, Master Card e Diners Club; spesso viene applicata una commissione su ogni acquisto del 5-10%.
Il Ministero della Difesa ha comunicato che coloro che intendano importare temporaneamente in Tanzania veicoli aerei/droni, devono chiedere preventiva autorizzazione alla Tanzanian Civil Aviation Authority (circolare di riferimento reperibile presso:
www.tcaa.go.tz )

Informazioni utili

Nel Paese
Dar es Salaam:

Polizia: (emergenza) 00 255 787-668306/614-111128/614-111140
Stazione Centrale: 00 255 22-2115507/2117705
Pronto soccorso: (Aga Khan Hospital) 00255 22-2115151-52-53 / 2114096
Pronto soccorso: (IST Medical Clinic) 00255 22-2601308/2601307/00255 754-783393
Ambulanza: (Knight Support) 00255 754-777100/00255 22 2760087-9 / 2760082

Zanzibar:
Pronto soccorso:
Mnazi Mmoja Hospital tel.: 00255 242230713

In Italia
Per gli indirizzi e i recapiti delle Ambasciate e dei Consolati del Paese accreditati in Italia, consulta il sito del Ministero degli Esteri

Indicazioni per operatori economici

Gli imprenditori italiani interessati ad avviare attività economico-commerciali o a effettuare investimenti possono rivolgersi all’Ufficio Commerciale dell’Ambasciata d’Italia a Dar es Salaam.

Informazioni fornite dal sito www.viaggiaresicuri.it - Ministero degli Affari Esteri.
Relativamente alle informazioni presenti in questa sezione, i singoli viaggiatori sono naturalmente i soli responsabili della decisione di intraprendere il viaggio e delle eventuali conseguenze negative che ne dovessero derivare.

Indicazioni generali, ordine pubblico e criminalita'

Non si segnalano al momento particolari criticità in relazione all’ordine pubblico. La situazione politica interna è stabile, ma possono verificarsi manifestazioni di protesta: si consiglia di esercitare cautela e di tenersi lontani da manifestazioni e da ogni tipo di assembramento.
Il paese è relativamente sicuro ma nelle aree urbane (Dar es Salaam, Arusha) sono frequenti episodi di criminalità comune, in particolar modo nei luoghi pubblici solitamente frequentati da stranieri, come stazioni degli autobus, alberghi, ristoranti, discoteche, cinema e centri commerciali. Sono comuni i sequestri lampo anche di giorno. Si consiglia di non accettare mai passaggi da sconosciuti e di spostarsi solo con tassì affidabili, soprattutto di sera e di notte. Anche di giorno si consiglia di non portare addosso oggetti di valore (gioielli, anelli, telefonini).

Rischio terrorismo

Il terrorismo rappresenta una minaccia globale. Nessun Paese può essere considerato completamente esente dal rischio di episodi ricollegabili a tale fenomeno.

Rischi ambientali e calamita' naturali

Durante la stagione delle piogge (marzo-maggio e novembre-dicembre) sono frequenti gli allagamenti e le inondazioni, con interruzione di strade e crollo di infrastrutture. Gli spostamenti possono essere difficili e a volte pericolosi nelle città e in campagna.

Aree di particolare cautela

Si sconsigliano i viaggi non essenziali nella regione di Kigoma, ovest di Kagera, nelle aree a nord e a nord-ovest del Paese, nei pressi dei campi profughi e ai confini con il Ruanda, il Burundi e la Repubblica Democratica del Congo, a causa della possibile presenza di bande armate.
L’arcipelago di Zanzibar, formato dall’isola principale di Unguja (dove si trova la città storica di Stonet
own e dove si concentrano quasi tutti i resort turistici) e dall’isola di Pemba (poco frequentata dal turismo) è interessato da una storica contrapposizione tra il partito al governo (CCM, Partito della rivoluzione) e l’opposizione. La situazione è al momento tranquilla ma si raccomanda comunque di esercitare la massima prudenza in caso di manifestazioni politiche.

A Dar Es Salaam, le zone più frequentate dagli stranieri e conseguentemente più prese di mira da scippatori, borseggiatori e piccoli ma pericolosi criminali, sono quelle di Masaki, Msasani Peninsula e Oysterbay. Tali attacchi sono avvenuti a volte in modo brutale, risolvendosi con danni considerevoli alle persone. 

Avvertenze

Si consiglia ai connazionali di:
- registrare i dati del proprio viaggio su DOVESIAMONELMONDO;
- mostrare sempre rispetto per la cultura locale, soprattutto nell’arcipelago di Zanzibar, quasi interamente musulmano, in particolar modo durante il Ramadan; l’isola di Pemba è relativamente più conservatrice della gemella Unguja;
- non accettare inviti da persone conosciute da poco, per quanto possano apparire amichevoli:
- privilegiare strutture alberghiere che prevedano la presenza di servizi di sicurezza privati e di una certa dimensione, questi ultimi in genere protetti da un maggior numero di guardiani e non utilizzare l’”Ostello della gioventù”, per evitare il rischio di scippi ed aggressioni soprattutto nelle ore serali;
- muoversi in auto o con taxi fidati, evitando di camminare a piedi e da soli, 
dopo il tramonto;
- non mostrare oggetti di valore, telecamere, cellulari o portafogli soprattutto se si cammina a piedi nelle grandi città (Dar es Salaam, Arusha);
- evitare, se possibile, il mercato di Kariakoo a Dar es Salaam;
- esercitare cautela nelle spiagge libere, nei luoghi isolati, nelle principali strade di collegamento tra i grandi centri urbani ed in particolare nella strada di collegamento Arusha-Nairobi;
- prestare la massima attenzione anche nel centro delle principali città, con particolare riguardo alle zone commerciali e a quelle delle banche;
- non trattare con commercianti ambulanti sulle spiagge (beach boys);
- affidarsi sempre a società conosciute e specializzate nel settore, per l’organizzazione di safari e escursioni;
- richiedere guide munite di radio quando ci si reca nei parchi;
- controllare con attenzione le garanzie sanitarie, in caso di acquisto di un pacchetto viaggio organizzato da tour operator;
- non spostarsi con automezzi pubblici visto il quotidiano ripetersi di incidenti stradali mortali causati dall’alta velocità, dalla bassa qualità del manto stradale e dalla vetustà e scarsa manutenzione del parco auto;
- evitare i mezzi di trasporto collettivo in città a causa dei frequenti furti;
- adottare molta prudenza nella guida, specialmente sulle strade sterrate che sono particolarmente pericolose;
- non superare la velocità di 60-70 km/h poiché si potrebbe rimanere vittime di gravi incidenti, anche mortali (fondo stradale sdrucciolevole (sabbia e/o ghiaietto), rischio di scoppio di pneumatici per la presenza sul terreno di piccoli quarzi, attraversamento improvviso di animali);
- astenersi dall’utilizzare traghetti in evidente cattivo stato di manutenzione o sovraccarichi. In tal caso, si consiglia di organizzare la prosecuzione del viaggio con mezzi di trasporto alternativi. 

Sono frequenti i tentativi di truffa perpetrati ai danni di cittadini stranieri, anche italiani, che arrivano in Tanzania ed a Zanzibar con lo scopo di realizzare investimenti immobiliari e/o di acquistare minerali o pietre preziose (oro, rame, diamanti, ecc.). Per questo motivo si consiglia a tutti coloro che siano interessati a concludere affari in questo Paese di chiedere preventivamente informazioni utili al competente Ufficio Commerciale dell’Ambasciata d’Italia in Dar Es Salaam. 

Normative locali rilevanti

Normativa prevista per uso e/o spaccio di droga: il traffico di qualsiasi tipo di droga, incluse quelle leggere, è duramente represso dalla Polizia locale, che dispone di informatori ovunque. Le condanne inflitte dai tribunali per reati di droga sono pesanti ed i controlli della Polizia negli alberghi sono frequenti. All’aeroporto anche i bagagli dei viaggiatori della sala VIP possono essere ispezionati. E’ in corso una dura campagna contro il traffico di droga, con arresti anche tra cittadini stranieri.

L’omosessualità è considerata un reato. Dal 2016 sono in atto ricorrenti campagne antiomosessuali, che è considerato reato punibile fino a 30 anni, per cui si consiglia di avere la massima prudenza e di tenere un comportamento molto riservato.

Normativa prevista per abusi sessuali o violenze contro i minori: la legge locale è rigidissima; le condanne per violenza e pedofilia comportano pene da 20 anni fino all’ergastolo. La stampa riporta tali notizie con grande evidenza. Va ricordato che coloro che commettono all’estero reati contro i minori (abusi sessuali, sfruttamento, prostituzione) vengono perseguiti al loro rientro in Italia sulla base delle leggi in vigore nel nostro Paese.

Dal primo giugno 2019 è in vigore un bando totale alla produzione, uso e importazione di sacchetti di plastica, con multe e possibile arresto. Le uniche eccezioni riguardano le confezioni di plastica per prodotti medici e sanitari e le borsette di plastica per prodotti da toilette.

In caso di problemi con le Autorità locali di Polizia (stato di fermo o arresto) per la necessaria assistenza si consiglia di contattare l’Ambasciata o, per l’arcipelago di Zanzibar, il Vice Console Onorario e il corrispondente consolare.
I numeri telefonici e gli indirizzi mail si trovano nella sezione contatti Ambasciate e Consolati della presente scheda.

Informazioni per le aziende

Si consiglia alle aziende italiane che inviano tecnici o maestranze anche solo per brevi missioni nel Paese, di adottare specifiche misure di sicurezza e di attenersi alle disposizioni impartite dalle autorità locali in materia di trasferimenti di personale straniero. Le aziende italiane sono invitate a registrare la presenza di proprie maestranze su DOVESIAMONELMONDO e a segnalarle all’Ambasciata d’Italia a Dar Es Salaam.

Informazioni fornite dal sito www.viaggiaresicuri.it - Ministero degli Affari Esteri.
Relativamente alle informazioni presenti in questa sezione, i singoli viaggiatori sono naturalmente i soli responsabili della decisione di intraprendere il viaggio e delle eventuali conseguenze negative che ne dovessero derivare.

Strutture sanitarie

Il livello del sistema sanitario locale è carente per quanto riguarda il personale, le attrezzature mediche e la disponibilità di farmaci specifici. La situazione sanitaria, all’interno del Paese, è particolarmente grave. Le trasfusioni di sangue non sono sicure. Nel Paese sono presenti anche centri clinici con personale medico europeo.

Malattie presenti

Le malattie tropicali sono diffuse sia nella parte continentale che nelle isole della Tanzania. Il pericolo di malaria è praticamente ovunque, con una bassa incidenza nell'arcipelago di Zanzibar. La febbre dengue e la dengue emorragica, causate dalla puntura di zanzare infette, sono endemiche  anche nell’isola di Zanzibar. Si consiglia di adottare opportuni accorgimenti contro le punture di insetti, indicati nella sezione Salute in viaggio – Precauzioni durante un viaggio – Misure preventive contro malattie trasmesse da puntura di zanzara e di consultare il proprio medico o la ASL al riguardo, anche nel caso di sintomi febbrili dopo alcuni giorni dal rientro di un viaggio nel Paese.

Sono presenti altre malattie quali: colera, tifo, paratifo, epatiti virali A, B, C, tetano, difterite, pertosse, morbillo, bilarzia (si consiglia di non effettuare balneazione nei laghi o fiumi). ). Un'epidemia di malattia da virus Ebola sta colpendo i paesi confinanti con la Tanzania (Repubblica Democratica del Congo ed Uganda) e potrebbe costituire un pericolo anche per la Tanzania
Si consiglia inoltre la vaccinazione antirabbica per chi deve svolgere attività a contatto con animali, cani, pipistrelli ed altri mammiferi, per lavoro, come veterinari, ricercatori o per diporto, come campeggiatori e turisti ciclisti.
L’AIDS è molto diffuso ed è la seconda causa di morte dopo
la malaria. La stima dei sieropositivi arriva al 12% della popolazione.

Avvertenze

Si raccomanda di stipulare prima della partenza una polizza assicurativa che preveda la copertura delle spese mediche e l’eventuale rimpatrio aereo sanitario (o il trasferimento in altro Paese) del paziente. Un’eventuale evacuazione sanitaria d’urgenza è possibile solo in aereo da Dar es Salaam, da Arusha (aeroporto internazionale) o Zanzibar per l’Europa, per il Kenia o per il Sud Africa.
Si consiglia inoltre :
- un’accurata igiene delle mani;
- l’assunzione di acqua minerale in bottiglie sigillate;
- di trattare l’acqua per uso alimentare (bollitura per oltre venti minuti, filtrazione e decantazione);
- di evitare l’uso del ghiaccio;
- di evitare verdura e frutti di mare se non cotti;
- di
consultare immediatamente un medico e richiedere le analisi ai primi sintomi di malessere (vomito, febbre, diarrea).
Le persone che intendono recarsi ad alta quota sul Kilimanjaro, a causa del notevole impegno fisico richiesto dal lungo itinerario, dovrebbero effettuare l’escursione solo previo parere di un medico; si ricorda che sul Kilimanjaro non c’è possibilità di utilizzare bombole d’ossigeno e manca un pronto soccorso attrezzato.
Si ricorda, infine, che per quanto riguarda l’escursionismo subacqueo, a Dar es Salaam non sono disponibili camere iperbariche.

Vaccinazioni

Obbligatoria la vaccinazione contro la febbre gialla per i viaggiatori maggiori di un anno di età, provenienti da un Paese dove la febbre gialla è a rischio trasmissione (Kenya, Ethiopia, ecc.), anche nel caso di solo transito aeroportuale, se questo è superiore alle 12 ore ed in ogni caso se si lascia l’aeroporto di scalo.

Informazioni fornite dal sito www.viaggiaresicuri.it - Ministero degli Affari Esteri.
Relativamente alle informazioni presenti in questa sezione, i singoli viaggiatori sono naturalmente i soli responsabili della decisione di intraprendere il viaggio e delle eventuali conseguenze negative che ne dovessero derivare.

Mobilita'

Patente: è necessaria la patente internazionale ( modello Convenzione di Vienna 1968)

Assicurazione: responsabilità civile obbligatoria. L'assicurazione italiana non è valida. È necessario sottoscrivere una assicurazione a breve termine sul posto. Al riguardo si segnala il seguente indirizzo:
- National Insurance Corporation of Tanzania Ltd
P.O.B. 9264
Dar es Salaam
Tel.: +255 22 211 3823/9
Fax: +255 22 211 3403
e-mail: info-nic@nictanzania.com
Internet: http://nictanzania.co.tz/
È possibile importare un veicolo per un periodo massimo di 12 mesi con obbligo di "carnet di passaggio in dogana" (CPD). Per ulteriori informazioni sul CPD si consiglia di consultare il seguente link: www.aci.it/index.php?id=2090

Norme di guida
Senso di guida:  guida a sinistra, sorpasso a destra.

Tasso alcolemico nel sangue: la polizia può chiedere ai conducenti di sottoporsi a un test dell'alito. Il limite legale è di 0,08%.

Casco per motociclisti: obbligatorio

Cinture: è obbligatorio indossarle sui sedili anteriori dei veicoli.

Autostrade: non presenti in Tanzania

Trasporti: i collegamenti con l’Europa sono garantiti con voli giornalieri da KLM, Swissair, Ethiopian Airlines, Emirates, Qatar Airways, Egyptair, Turkish Airlines e per Zanzibar, da numerosi voli charter.

Per informazioni di carattere generale sulla sicurezza dei voli e sulle compagnie aeree dei Paesi cui è vietato operare nello spazio aereo UE in quanto non in regola con gli standard di sicurezza dell’Agenzia Europea per la Sicurezza Aerea, si consiglia di consultare la sezione  Sicurezza aerea curata in collaborazione con l’Enac ed il sito della Commissione Europea.

Informazioni fornite dal sito www.viaggiaresicuri.it - Ministero degli Affari Esteri.
Relativamente alle informazioni presenti in questa sezione, i singoli viaggiatori sono naturalmente i soli responsabili della decisione di intraprendere il viaggio e delle eventuali conseguenze negative che ne dovessero derivare.

Richiesta Informazioni