Quebec - guidando tra i giganti

Destinazione: CANADA

Tipo Vacanza: Viaggi su Misura

Periodo: Gennaio - Marzo 2018

Durata: 9 Giorni e 7 Notti

La Nostra Proposta

Da: € 2240

Scarica Allegato

In Quebec guidando tra i giganti ...

 

Valido al 19.07.2018, pubblicato il 05.04.2018

Informazioni Generali

•    Documentazione necessaria per l’ingresso nel Paese
Passaporto:
è richiesto il passaporto con validità pari almeno alla durata del soggiorno. Si suggerisce tuttavia che il passaporto abbia validità di almeno sei mesi della data di ingresso nel Paese.
Si consiglia comunque di contattare, prima di intraprendere il viaggio, gli Uffici diplomatici e Consolari del Canada in Italia e all’estero per acquisire informazioni aggiornate riguardo a possibili modifiche di tali termini.

“electronic Travel Authorization “ (eTA)
Dal 15 marzo 2016 gli stranieri esenti da visto, tra cui i cittadini italiani, diretti in Canada per via aerea dovranno munirsi prima dell’imbarco dell’”electronic Travel Authorization” (eTA), similmente a quanto avviene per l’ingresso negli Stati Uniti con l’ESTA.
La richiesta dell’eTA dovrà essere effettuata online. A tale fine saranno necessari un passaporto valido, una carta di credito e un indirizzo di posta elettronica.
L'eTA sarà collegata elettronicamente al passaporto del richiedente e sarà valida per cinque anni o fino alla scadenza del passaporto, se questa interviene prima.
Il relativo costo è di 7 dollari canadesi.
Le richieste potranno essere trasmesse da qualsiasi dispositivo connesso ad Internet, inclusi i cellulari e la risposta perverrà di regola dopo pochi minuti, salvo i casi in cui le competenti Autorità canadesi ritengano necessari ulteriori accertamenti.
Si attira l’attenzione sulla diffusione di siti internet non ufficiali ed il connesso rischio di truffe, si raccomanda pertanto di consultare la pagina web http://www.cic.gc.ca/english/visit/eta-facts-it.asp  per maggiori informazioni, in lingua italiana, sulle corrette procedure da seguire.
L’autorizzazione ”eTA” non garantisce, tuttavia, l’automatica ammissione in territorio canadese, che è lasciata alla discrezionalità delle competenti Autorità doganali e di frontiera.
Il soggiorno in Canada sulla base dell’”eTA“ non consente invece di:
-    rimanere sul territorio canadese oltre il periodo consentito;
-    svolgere attività retribuite.
Nei casi diversi dal breve soggiorno fino a sei mesi per motivi di turismo o di affari è necessario richiedere apposito visto d’ingresso presso l’Ambasciata del Canada a Roma.
Per informazioni dal sito dell’Ambasciata del Canada a Roma si prega di consultare la
seguente pagina Internet http://www.canadainternational.gc.ca/italy-italie/visa.aspx?lang=eng
Per  informazioni sul visto d’ingresso in Canada si prega di consultare la seguente pagina Internet http://www.cic.gc.ca/english/visit/index.asp
 L’indirizzo e-mail dalle Autorità canadesi per richiedere chiarimenti in materia di “eTA” è il seguente: CIC-eTA-AVE@cic.gc.ca

A decorrere dal 10 novembre 2016 i cittadini italiani in possesso anche della cittadinanza canadese dovranno munirsi del passaporto canadese per potersi imbarcare dall’estero sui voli diretti in Canada.

Visto d’ingresso: Per un soggiorno breve fino a sei mesi, esclusivamente per motivi di turismo o di affari, non vi è obbligo di visto ed è sufficiente esibire un passaporto valido per tutta la durata del soggiorno previsto. L’Ufficiale di polizia di frontiera può tuttavia discrezionalmente limitare la durata del soggiorno al periodo previsto per lo scopo del viaggio. Per lavorare o studiare in Canada è necessaria la previa concessione di un permesso di lavoro o di studio da parte delle competenti autorità canadesi.
L’ingresso può essere in particolare rifiutato quando la polizia di frontiera ritenga che il motivo effettivo del viaggio non corrisponda a quello dichiarato. Nel quadro dei controlli all’arrivo, gli agenti del Canada Border Service Agency (CBSA) possono richiedere ai viaggiatori di rivelare le password di accesso a laptop o smartphone al fine di raccogliere ulteriori elementi per verificare la corrispondenza tra il motivo dichiarato del viaggio e quello effettivo. E’ possibile rifiutare l’accesso ai propri dispositivi personali, ma ciò può contribuire al diniego dell’ingresso nel Paese.
Allo stesso modo, durante un soggiorno per motivi di turismo in Canada è tassativamente vietato:
•    esercitare qualsiasi attività professionale (anche di baby sitter, cuoco, cameriere, commesso, ecc.);
•    effettuare tirocini, retribuiti o non;
•    seguire degli studi per un periodo di sei mesi.
Per ciascuna delle suddette attività occorre infatti essere muniti dei relativi visti di ingresso da richiedere presso l'Ambasciata del Canada a Roma.
Gli agenti della CBSA sono infatti molto rigorosi su questo punto e negano l'ingresso in Canada ai viaggiatori stranieri sprovvisti di apposito visto in caso di fondati dubbi sui motivi del loro soggiorno in Canada (per esempio in caso di mancanza di biglietto di ritorno o di insufficienza di risorse finanziarie), disponendone l'arresto e/o il rimpatrio immediato.   La decisione dei funzionari di frontiera canadesi di negare, per qualsiasi motivo, l’ingresso di uno straniero sul territorio nazionale, si basa sul principio “who hears decides”, salvo il ricorso al superiore gerarchico del funzionario di frontiera che decide sull’ingresso. Qualora le autorità di frontiera lo ritengano opportuno, possono disporre che lo straniero cui è stata negata l’autorizzazione all’ingresso nel Paese trascorra in appositi “centri di detenzione” presso l’aeroporto il tempo di attesa per il primo volo disponibile per il rimpatrio.
Considerato il margine di discrezionalità lasciato ai funzionari di frontiera canadesi, si suggerisce, prima della partenza, un’attenta consultazione della seguente pagina del sito internet della CBSA www.cbsa-asfc.gc.ca/travel-voyage/ivc-rnc-eng.html
I viaggiatori che giungono in Canada per via aerea e che devono imbarcarsi su un volo nazionale in coincidenza dovranno ritirare il bagaglio all’arrivo del volo internazionale, presentarsi ai controlli doganali e riconsegnare il bagaglio all’apposito banco accettazione situato nell’area transiti.

Viaggi all'estero di minori: si prega di consultare l’Approfondimento: “Prima di partire - documenti per viaggi all’estero di minori” sulla home page di questo sito.
Si ricorda, in ogni caso, che per poter viaggiare in Canada, il minore di 18 anni straniero deve avere l'autorizzazione di un genitore o di un tutore. Il documento che autorizza il viaggio del minore deve anche indicare la destinazione e la durata del soggiorno.
Se il minore è accompagnato da un solo genitore, si consiglia di far predisporre una lettera di autorizzazione firmata dall'altro genitore.
Il genitore separato, con custodia condivisa del figlio minore, deve mostrare la prova dell’assenso al viaggio dell’altro genitore.
Qualsiasi altro adulto deve avere una autorizzazione scritta dei genitori o del tutore legale del minore.
Gli agenti del Canada Border Service Agency si riservano in ogni caso il diritto di interrogare i minori per verificare che non sussista alcuna ipotesi di sottrazione.

Formalità valutarie: nessuna per importazione di somme inferiori a 10.000 dollari canadesi. Le somme superiori a 10.000 dollari canadesi devono invece essere dichiarate all’arrivo in Canada.

Animali domestici: cani e gatti domestici importati dall'Italia, accompagnati dal proprietario, possono entrare in Canada con un certificato originale e valido in inglese o francese rilasciato da un veterinario ufficiale del Paese di provenienza. Il certificato deve identificare chiaramente l'animale e dichiarare che è vaccinato contro la rabbia.
Il Certificato deve indicare la razza, il colore, il peso dell’animale e specificare il tipo di vaccino utilizzato (marca commerciale), incluso il numero di serie e la durata della validità (fino a tre anni). Se la validità non viene indicata nel certificato il vaccino sarà considerato valido per un anno.
Non c’è un periodo minimo di attesa imposto tra quando l'animale viene vaccinato contro la rabbia e quando può entrare in Canada.
Se l'animale dovesse giungere in Canada e non essere provvisto di suddetto certificato, un ispettore locale ordinerà al proprietario, che si dovrà fare carico delle spese, di far vaccinare l'animale entro un certo periodo di tempo e di consegnargli il relativo certificato veterinario.
La vaccinazione antirabbica o la presentazione di un certificato attestante che il cane proviene da un Paese esente da rabbia non sono richieste se l'animale è di età inferiore ai 3 mesi.
L'importazione di cani aventi compiti specifici (per es. cani guida) non è sottoposta a nessuna condizione, ma gli animali devono essere accompagnati dal loro proprietario.
Per completezza d'informazione si fa presente che il Canada richiede differenti modalità per l'ingresso di animali domestici provenienti da paesi indicati come esenti da rabbia (rabies-free) e l'Italia non è inclusa tra detti paesi. Maggiori informazioni possono essere reperite al seguente sito web: www.inspection.gc.ca/english/anima/animae.shtml

Restrizioni: I cani di razza "pitbull" non sono ammessi nell'Ontario.

Informazioni fornite dal sito www.viaggiaresicuri.it - Ministero degli Affari Esteri.
Relativamente alle informazioni presenti in questa sezione, i singoli viaggiatori sono naturalmente i soli responsabili della decisione di intraprendere il viaggio e delle eventuali conseguenze negative che ne dovessero derivare.

Valido al 19.07.2018, pubblicato il 05.04.2018

Sicurezza

•    Indicazioni generali, ordine pubblico, criminalità
Le autorità canadesi hanno adottato un’ampia gamma di misure di sorveglianza e di prevenzione per rafforzare la sicurezza, in particolare nelle grandi città, intensificando anche i controlli negli aeroporti. Il tasso di criminalità è molto basso. Si consiglia tuttavia di adottare le consuete precauzioni per prevenire i furti.

•    Rischio terrorismo
Anche in ragione dell’impegno canadese per il contrasto del terrorismo internazionale il Paese è esposto al rischio di atti terroristici.
Il 30 settembre 2017 a Edmonton due attacchi perpetrati dallo stesso attentatore hanno provocato il ferimento di 5 persone. Nel gennaio 2017 si era già verificato a Quebec City un attentato contro una Moschea, nel quale avevano perso la vita 6 persone, mentre nell’ottobre 2014 erano stati attaccati il Parlamento di Ottawa e il Monumento ai Caduti.

•    Rischi ambientali e calamità naturali
Soprattutto nel corso dei mesi invernali, le severe condizioni atmosferiche possono costituire un fattore di rischio per coloro che risiedono nelle aree interessate da forti perturbazioni.
La costa orientale del Canada (Terranova e Nova Scotia) può essere interessata dagli uragani provenienti dagli Stati Uniti.
In caso di viaggio in auto fuori dai centri abitati è sempre consigliabile, in modo particolare durante la stagione invernale, accertarsi che il serbatoio del carburante sia sempre pieno, munirsi di abbigliamento adeguato alle basse temperature, di coperte e di telefono cellulare.
Si suggerisce di tenersi costantemente aggiornati sulla situazione meteorologica, consultando gli organi di informazione nazionali e locali e, in particolare, il sito web del Ministero Federale dell’Ambiente http://www.weatheroffice.gc.ca/canada_e.html  (http://www.getprepared.gc.ca/cnt/hzd/flds-eng.aspx  per le alluvioni), prestando attenzione agli avvisi (“Watch”) ed allerte (“Warnings”), che l’Ufficio meteorologico del Canada pubblica ed aggiorna ogni poche ore in caso di maltempo.
La costa occidentale del Paese (British Columbia) è zona altamente sismica.

•    Avvertenze
Si consiglia ai connazionali di:
- registrare i dati del proprio viaggio sul portale DOVESIAMONELMONDO
  
- Adottare le normali precauzioni in relazione a possibili episodi di microcriminalità.  

•    Normative locali rilevanti
Normativa prevista per abusi sessuali o violenze contro minori:: la normativa in vigore in tutte le province canadesi per i reati contro la persona (violenza sui minori, molestie sessuali e violenza sessuale) è molto severa. E’ da tenere presente che lo Stato persegue come violenza sessuale qualunque adulto che abbia rapporti sessuali di qualsiasi tipo con un minore. Le pene previste possono arrivare al carcere a vita.
Va ricordato che coloro che commettono all’estero reati contro i minori (abusi sessuali, sfruttamento, prostituzione) vengono perseguiti al loro rientro in Italia sulla base delle leggi in vigore nel nostro Paese.
Alcool
L’età minima per il consumo o l'acquisto di bevande alcooliche è di:
•    18 anni in Québec;
•    19 anni nelle altre Province.
Il tasso di alcolemia autorizzato alla guida è di 0,8 g/l in Québec, e di 0,5 g/l nelle altre Province canadesi ed è uguale a 0 in tutto il Paese per i giovani da 16 a 21 anni.
In caso di violazione di queste norme, il conducente è passibile di una multa, della sospensione immediata della patente per una durata fino a tre mesi (un anno in caso di recidiva) e del sequestro dell'autovettura.
Droga
Il consumo e lo spaccio di sostanze stupefacenti sono rigorosamente vietati e passibili di pesanti sanzioni penali.

In caso di problemi con le autorità locali di Polizia (stato di fermo o arresto), si consiglia di informare l’Ambasciata o il Consolato competente per la necessaria assistenza.

INFORMAZIONI PER LE AZIENDE
Si consiglia alle aziende italiane che inviano tecnici o maestranze anche solo per brevi missioni nel Paese, di adottare specifiche misure di sicurezza e di attenersi alle disposizioni impartite dalle autorità locali in materia di trasferimenti di personale straniero. Le aziende italiane sono invitate a registrare la presenza di proprie maestranze sul portale DOVESIAMONELMONDO e a segnalarle all’Ambasciata a Ottawa.

Informazioni fornite dal sito www.viaggiaresicuri.it - Ministero degli Affari Esteri.
Relativamente alle informazioni presenti in questa sezione, i singoli viaggiatori sono naturalmente i soli responsabili della decisione di intraprendere il viaggio e delle eventuali conseguenze negative che ne dovessero derivare.

Valido al 19.07.2018, pubblicato il 05.04.2018

Situazione sanitaria

•    Strutture Sanitarie
La situazione sanitaria in generale è, quanto a qualità di prestazioni mediche, ottima. Per gli stranieri, l’assistenza sanitaria è a pagamento. Ottima reperibilità di medicinali.

•    Malattie presenti
Non sono al momento segnalati fenomeni sanitari o epidemie di particolare rilievo.

•    Avvertenze
Si raccomanda di stipulare prima della partenza una polizza assicurativa che preveda la copertura delle spese mediche e l’eventuale rimpatrio aereo sanitario (o il trasferimento in altro Paese) del paziente.

•    Vaccinazioni obbligatorie
Nessuna

Informazioni fornite dal sito www.viaggiaresicuri.it - Ministero degli Affari Esteri.
Relativamente alle informazioni presenti in questa sezione, i singoli viaggiatori sono naturalmente i soli responsabili della decisione di intraprendere il viaggio e delle eventuali conseguenze negative che ne dovessero derivare.

Valido al 19.07.2018, pubblicato il 05.04.2018

Viabilita

Patente
I visitatori possono guidare con una patente di guida italiana per un breve periodo che varia da una provincia canadese o territorio ad un altro.
È consigliabile munirsi di patente internazionale di guida.
In Canada è riconosciuta solo la patente internazionale secondo la Convenzione di Ginevra del 1949.

Assicurazione auto
Assicurazione minima obbligatoria per residenti e visitatori: è obbligatoria la assicurazione per la responsabilità civile terzi ed per le lesioni personali per tutti i veicoli. Il massimale minimo in Canada è di 200.000 dollari mentre nel Québec è di 50.000 dollari. Le polizze di assicurazione emesse negli Stati Uniti sono valide in Canada solo se coprono un massimale di almeno di 200.000 dollari.
Assicurazioni a breve termine: un visitatore, al suo arrivo nell'America del Nord, dovrà contattare l'Associazione Automobilistica canadese o statunitense o una società assicurativa canadese per ottenere il contratto di assicurazione necessario per poter circolare in Canada e negli Stati Uniti. Se è in possesso di un certificato di bonus/malus può beneficiare di una riduzione.  (Vedere "indirizzi utili" per recapiti associazioni compagnie assicurative).

Veicoli importati temporaneamente con documenti doganali 
Un veicolo a motore può essere temporaneamente importato per un periodo massimo di 12 mesi. All'ingresso del veicolo in Canada, l'ispettore doganale alla frontiera terrestre o al porto può rilasciare il permesso d'importazione temporanea "E99".  Se sussiste un dubbio sulla successiva riesportazione del veicolo, può essere richiesto il pagamento di una cauzione che va da 100 a 500 dollari; in tal caso viene rilasciato il formulario "E29B".
Il carnet di passaggio in dogana FIA può essere utilizzato in luogo del formulario E29B per evitare il pagamento della cauzione.  Tuttavia, è consigliabile l'utilizzo del formulario E29B in quanto non sempre gli ispettori doganali hanno dimestichezza con l' "iter" relativo ai carnets AIT/FIA.  Ulteriori informazioni sul CDP al sito ACI.
Utilizzazione del veicolo: Un veicolo importato temporaneamente può essere utilizzato dall'importatore o da un suo passeggero ma solo in presenza dell'importatore.

Norme di guida
Guida a destra e sorpasso a sinistra.
L’uso del telefono portatile alla guida è stato bandito in tutto il Paese. Si ricorda che il conducente che causa un incidente a seguito dell'utilizzo del cellulare durante la guida, potrebbe essere perseguito per guida pericolosa con aggravante colposa qualora provochi lesioni o la morte di persone.

Equipaggiamento obbligatorio 
Cinture di sicurezza: obbligatorie in tutte le provincie sia anteriormente che posteriormente.
Seggiolino per bambini: deve essere utilizzato quello omologato per un neonato ed un bambino con meno di 6 anni (5 anni in Manitoba, Nuovo Brunswick e Québec e Terra Nuova) e/o che pesi meno di 18 kg (23 kg in Manitoba e Québec).
Casco di protezione per motociclisti: è obbligatorio in tutte le provincie canadesi per il conducente e il passeggero di un ciclomotore, di uno scooter e di una motocicletta. A Yukon per condurre un motoneve è obbligatorio l'utilizzo del casco.
Fari: tutti i veicoli a due ruote devono circolare con i fari accesi di giorno e di notte tranne che nelle  provincie del Nuovo Brunswick e Nuova Scozia . Tutti i veicoli fabbricati dopo il 1990 devono avere obbligatoriamente i fari accesi di giorno. Il territorio dello Yukon ha una legislazione propria (per 6 mesi all'anno non ha illuminazione solare).
Luci di posizione:  obbligatorie per i veicoli in panne. 

Tasso alcolemico 
Il limite generale è dello 0,08%, tuttavia le autorità locali possono stabilire anche un limite inferiore per esempio 0,05%. La prima volta viene erogata una sanzione di 600 CAD ed è possibile la sospensione della patente così come una sentenza di carcerazione. Il ritiro della patente è previsto per 5 anni.
Ai giovani automobilisti di età dai 16 ai 21 anni, come pure agli automobilisti che hanno appena conseguito la patente, non è consentito alcun tasso di alcolemia. 
È proibito portare una bottiglia di vino aperta in un veicolo a motore. In alcuni stati e territori è permesso avere dell'alcool nel cofano della vettura o in un camper a condizione che sia fuori dalla portata del conducente.
Test di rilevamento: è obbligatorio sottomettersi al test di alcolemia in caso di richiesta. Il codice penale prevede una incriminazione in caso di rifiuto. 

Gomme chiodate e catene da neve 
Gomme chiodate: è possibile utilizzarle nei seguenti periodi:
 - Alberta: non ci sono restrizioni;
 - Columbia Britannica: dal 1 ottobre al 30 aprile;
 - Isola Principe Edoardo: dal 1 ottobre al 31 maggio;
 - Manitoba: dal 1 ottobre al 30 aprile;
 - Nuovo-Brunswick: dal 16 ottobre al 30 aprile;
 - Nuova-Scozia: dal 15 ottobre al 30 aprile;
 - Ontario: proibite tutto l'anno;
 - Québec: dal 15 ottobre al 1 maggio per le vetture con meno di 3000 kg;
 - Saskatchewan: non ci sono restrizioni;
 - Terranova: dal 1 novembre al 30 aprile;
 - Territori del Nord-Ovest: non ci sono restrizioni;
 - Yukon: non ci sono restrizioni.
I veicoli con gomme chiodate non hanno speciali limitazioni di velocità.

Autostrade
Vi sono solamente due autostrade a pedaggio: la Coquihalla Highway, che collega Hope a est di Vancouver a Kamloops, e la Highway 407, una tangenziale di Toronto.  Le numerose altre autostrade sono senza pedaggio.

Rete stradale
Durante i mesi invernali (da novembre ad aprile), occorre prestare molta attenzione alle condizioni meteorologiche (neve, ghiaccio e temperature fino a -35º) e circolare con autovetture munite di pneumatici da neve. Si suggerisce inoltre, all'atto del noleggio di autovetture, di stipulare una polizza "kasko".

Trasporto aereo

Si attira l'attenzione sulla regolamentazione molto ferrea in materia di sicurezza aerea.
Negli aeroporti del Paese vengono attuate severe misure di sicurezza e di controllo nelle procedure di imbarco che possono verificare ritardi.  E’ pertanto consigliabile arrivare con largo anticipo in aeroporto.
Vi è altresì il rischio di vedersi rifiutare l'imbarco in caso di comportamenti irrispettosi o aggressivi nei confronti del personale addetto alla sicurezza.
In particolare, vi sono restrizioni per l’introduzione a bordo di flaconi o altri contenitori di liquidi. Per una lista dettagliata di tali restrizioni si consiglia di consultare il sito dell’Ente canadese per la sicurezza aerea all’indirizzo web https://www.catsa-acsta.gc.ca/en 

Per informazioni di carattere generale sulla sicurezza dei voli e sulle compagnie aeree dei Paesi cui è vietato operare nello spazio aereo UE in quanto non in regola con gli standard di sicurezza dell’Agenzia Europea per la Sicurezza Aerea, si consiglia di consultare la sezione  “Sicurezza aerea” curata in collaborazione con l’Enac ed il sito della Commissione Europea.

Informazioni fornite dal sito www.viaggiaresicuri.it - Ministero degli Affari Esteri.
Relativamente alle informazioni presenti in questa sezione, i singoli viaggiatori sono naturalmente i soli responsabili della decisione di intraprendere il viaggio e delle eventuali conseguenze negative che ne dovessero derivare.

Richiesta Informazioni